LA MIA PRIMA VOLTA CON BRANDO (IL MIO LI.CO.LI!)

IMG_7629

Un mesetto fa una mia collega mi ha spacciato del licoli (lievito madre in coltura liquida) dopo che già diverse amiche me ne avevano parlato benissimo per la praticità e per il lungo periodo che può intercorrere tra un rinfresco e un altro.

Ecco…questo era tutto quello che sapevo e già avevo una pasta madre solida (la Nina) da accudire e che non pensavo potesse mai avere rivali.

Abbiamo deciso di attribuirgli un nome maschile ed è così che fu battezzato Brando…..il rapporto tra me e Brando non è decisamente partito con il piede giusto….me lo sono scordato in frigo per diversi giorni e poi una volta rinsavita dall’amnesia l’ho preso e l’ho rinfrescato…bam…come credevo fossero tutti i licoli..idratati al 100%…sciogliendo 50 gr in 50 gr di acqua e aggiungendo 50 gr di farina…ma lui è apparso subito più solido di come me lo avevano dato e qualche ora dopo uno whatsapp mi ha informato che avevo toppato…che era idratato al 130%….quindi per non farla troppo lunga avevo sbagliato le percentuali per il rinfresco.

Dopo il panico iniziale mi sono ricordata che una pasta madre solida può anche gradualmente trasformarsi in liquida e viceversa e quindi sbarellando di poco mi sono autoconvinta di non aver fatto un grosso danno;ho continuato a rinfrescarlo al 100% come avevo erroneamente iniziato e lui cresceva… e io mi rendevo conto della comodità di usarlo….si sporca meno, è più veloce il rinfresco e soprattutto lo si può rinfrescare anche più raramente di una pasta madre solida e a parità di giorni senza rinfresco performa molto meglio di una solida.

Così Brando è stato messo alla prova regalandomi delle fantastiche piadine integrali e poi via provato sulla ricetta della focaccia con esubero (https://sfornateagogo.com/2015/04/19/focaccia-con-esubero-di-pasta-madre-o-con-lievito-di-birra-o-lievito-madre-secco/ a breve pubblicherò anche la versione con lievito madre liquido) e sono rimasta sbalordita dalle bolle che ha creato l’impasto…

Il giorno seguente, impaziente come una bambina con un giocattolo nuovo, l’ho provato sul pane con esubero (ricetta che verrà a breve pubblicata) e il risultato è stato ancora una volta un successo…croccante fuori e alveolato al pari di un pane preparato con pasta  madre rinfrescata.

E niente….mi sta entusiasmando veramente tanto e anche se il mio cuore rimarrà per sempre della Nina si prospettano ulteriori soddisfacenti scappatelle con Brando e lo consiglio a tutti coloro che vorrebbero almeno provare a gestire una pasta madre.

IMG_7644

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...